(+41) 91 9122600 info@paganigroup.com

I mercati globali sono rimbalzati nel mese di luglio dopo che i timori di scenari catastrofici della Brexit si sono placati.

I mercati europei hanno reagito positivamente alla conferma di Theresa May come nuovo leader del partito conservatore e Primo Ministro del Regno Unito.

Il sentimento positivo è stato ulteriormente sostenuto dalle rassicurazioni iniziali della signora May che ha confermato la sua volontà di mantenere stabile e costruttivo il rapporto tra il Regno Unito e l’Unione Europea.

Nella zona euro la crescita è stata moderata nell’ultimo trimestre e la BCE ha lasciato la sua politica monetaria invariata in quanto le condizioni del credito che continuano a migliorare.

La Banca d’Inghilterra ha mantenuto la sua politica monetaria, ma ha segnalato la possibilità di stimoli nel mese di agosto.

La Fed ha indicato che la Brexit non è fonte di particolare preoccupazione per gli Stati Uniti e ma ha comunque lasciato i tassi di interesse invariati rinviando quindi degli eventuali aumenti dei tassi.

I dati economici degli Stati Uniti hanno continuato ad essere misti con segnali positivi nel settore immobiliare e della produzione industriale, ma con una crescita del prodotto interno americano al di sotto delle aspettative.

In Giappone, l’attuale governo ha conseguito una grande vittoria elettorale e questo ha stimolato delle speranze di ulteriori stimoli economici.

La Banca del Giappone ha mantenuto la politica monetaria invariata, mentre il governo ha anche annunciato un nuovo importante pacchetto di stimoli economici.

In Cina, l’economia ha continuato a mantenere una crescita moderata, con una crescita del PIL del 6,7% anno su anno.

Tuttavia, il sentimento è peggiorato durante il mese quando il Presidente cinese ha indicato potenziali modifiche normative per prevenire le bolle speculative.

S & P 500 ha guadagnato il 6,7%, Euro Stoxx 50 ha guadagnato il 7,7% e le azioni dei mercati emergenti (MSCI Emerging Markets Index) hanno guadagnato l’ 8,4%.

Il mercato globale ad alto rendimento ha guadagnato il 3,4% e la convertibile globale ha guadagnato il 4,7%.

L’euro si è rafforzato dello 0,6% nei confronti del dollaro; il CHF si è indebolito dello 0,3% contro l’euro e rafforzato dello 0,3% nei confronti del dollaro. Nel mercato delle materie prime, l’oro ha guadagnato il 2,7% ed il petrolio ha perso il 12,7%.